Il Portogallo premia la ricetta di Costa, Partito socialista al 36,7%

Roma – Sull’onda del miracolo compiuto a partire dal 2015, quando con il suo governo ha risollevato l’economia del Paese, superando l’austerità pur rimanendo nei paletti di bilancio imposti da Bruxelles, il socialista Antonio Costa conquista una riconferma alle urne, che appariva praticamente scontata. Alle elezioni parlamentari i portoghesi, nonostante un’astensione record tra il 44% e il 49%, hanno premiato il suo partito socialista con il 36,7% dei voti (pari a 95 seggi su 230), mentre il Partito socialdemocratico (di centro destra a dispetto del nome), si ferma otto punti più in basso al 28,1% (70 seggi). Terzo il Blocco di sinistra con il 9,6% dei voti (16 seggi), seguito dalla coalizione di sinistra al 6,3% (9), i popolari di destra al 4,2% (4 deputati) e gli ambientalisti di Pan al 3,3% (2 seggi). Anche stavolta nessuno ha raggiunto una maggioranza assoluta e Costa dovrà esercitare la sua abilità negoziale per riproporre un’alleanza di governo, come nel 2015 quando varò il suo esecutivo insieme al partito comunista e al Blocco di Sinistra. Con questi ultimi, i rapporti non sono al top e si parla anche di un possibile coinvolgimento degli ambientalisti di Pan.

In ogni caso, Costa è determinato a rimanere alla guida del Paese. “Governerò con qualsiasi condizione i portoghesi mi daranno per governare”, aveva dichiarato la settimana scorsa al canale televisivo locale Cmtv. In campagna elettorale, Costa ha promesso di rendere l’immigrazione più facile abolendo un sistema di quote introdotto a suo tempo dal centro-destra. Alla base del problema c’è soprattutto il basso tasso di natalità, che minaccia il finanziamento del sistema di welfare anche alla luce delle previsioni Ue, secondo cui la popolazione del Portogallo scenderà a 6,6 milioni nel 2100 rispetto agli attuali 10,3 milioni. Ma la carta vincente di Costa rimane l’economia. Dopo la profonda recessione e il salvataggio di 78 miliardi di euro chiesto all’Ue e al Fmi nel 2011 e pagato con lacrime e sangue, durante il suo governo la crescita è passata dallo 0,19% del 2014 al 2,1% del 2018. Parallelamente il tasso di disoccupazione si è dimezzato a circa il 6%. Numeri che hanno valso un grande prestigio a Bruxelles per Costa e per il suo ministro dell’Economia e oggi presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno. Tanto che l’allora potente ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schauble lo definì il “Cristiano Ronaldo dell’Ecofin”. Il successo conferma anche i portoghesi come la mosca bianca dei socialisti, in crisi un po’ in tutta Europa, dalla Francia alla Germania, dall’Italia alla Spagna, dove Pedro Sanchez ora si troverà ad affrontare la quarta elezione in meno di quattro anni.