Balzo record degli italiani a favore dell’euro, per il 57% moneta unica positiva

Bruxelles – Fa un balzo la percentuale di italiani, il 57%, che ritiene che l’euro sia positivo per l’Italia, registrando +12% rispetto all’anno scorso. E’ l’aumento maggiore insieme agli austriaci, anche se il 57% è il terzultimo valore più basso dei 19 (peggio solo Cipro e Lituania). E’ quanto emerge dall’Eurobarometro annuale della Commissione Ue sull’euro, realizzato con interviste a ottobre. Gli italiani sono però tra i primi (79%) a favore di un maggiore coordinamento delle politiche economiche dell’eurozona, incluse le manovre.

Il 90% degli italiani ritiene inoltre ci sia bisogno di “riforme significative” per migliorare la performance dell’economia nazionale, la percentuale più alta di tutti i Paesi dell’eurozona. La prima delle priorità è la riforma del mercato del lavoro (96%), ma solo il 70% (penultima percentuale) è a favore di risparmiare oggi per prepararsi all’invecchiamento della popolazione e all’aumento dei costi delle pensioni.

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani commenta in un tweet il sondaggio di Eurobarometro”, in base al quale “il 57% degli italiani considera l’euro positivo” ed il dato è “in crescita del 12%”. E’ un “messaggio chiaro a chi vorrebbe un’Italia più povera e isolata, fuori dalla moneta unica”, precisa Tajani.