In Italia debito a 131,2% e deficit al 2,4% nel 2017, tra i più alti nell’Eurozona

Bruxelles – Un rapporto debito-Pil del 131,2% (contro il 131,4% del 2016), secondo solo a quello della Grecia, e un deficit-Pil al 2,4% (il 2,5% nel 2016): questi i risultati dell’Italia nel 2017 secondo quanto reso da Eurostat nella sua seconda comunicazione sull’andamento di debito e deficit nei Paesi Ue lo scorso anno.  Il debito italiano resta il secondo più elevato dopo quello greco (176,1%), mentre il terzo più alto è quello portoghese (124,8%), pure in calo.

Eurostat segnala tra l’altro che nel 2017 solo due Paesi hanno avuto deficit pari o superiori al 3%: la Spagna (3,1%) e il Portogallo (3%). Tra gli altri Paesi che hanno ricevuto gli aiuti Ue per far fronte agli effetti della crisi, Cipro e la Grecia hanno registrato rispettivamente attivi di bilancio pari all’1,8% e allo 0,8%.

Nell’insieme dei 19 Paesi dell’Eurozona il rapporto deficit-Pil è sceso dall’1,6% del 2016 all’uno per cento (dall’1,7 all’uno nella media dei 28). In calo anche la media del rapporto debito-Pil, passato dall’ 89,1% all’86,8 nell’Eurozona e dall’83,3 all’81,6% nell’insieme Ue.