Governi in Europa, sempre più di coalizione

Bruxelles – La riconferma di Angela Merkel, ma in una misura che con la spinge ancora a un governo di coalizione, conferma due trend della politica nei Paesi dell’Unione europea. Un arretramento delle sinistre e una crescente tendenza a formare governi di larghe intese. Nonché, in molti casi, una difficoltà a creare esecutivi dopo il voto, come avvenuto di recente in Spagna, Portogallo, Croazia e, ultima, Olanda, dove i colloqui sono ancora in corso per la formazione del governo dopo il voto di marzo.

Ecco una mappa dell’attuale scenario politico europeo.

  • COALIZIONI CENTRODESTRA (9):
    – Spagna (premier Mariano Rajoy)
    – Germania (cancelliera Angela Merkel)
    – Irlanda (premier Leo Varadkar)
    – Croazia (premier Andrej Plenkovic)
    – Olanda (premier Mark Rutte)
    – Finlandia (Juha Sipila)
    – Estonia (premier Juri Ratas)
    – Bulgaria (premier Boyko Borissov)
    – Cipro (premier Nicos Anastasiades)
    – Austria (premier Sebastian Kurz) * in via di definizione, passato da coalizione di centrosinistra (ex premier Christian Kern)
  • COALIZIONI CENTROSINISTRA (8)
    – Italia (premier Paolo Gentiloni)
    – Grecia (premier Alexis Tsipras)
    – Slovacchia (premier Robert Fico)
    – Lituania (presidente Dalia Grybauskaite)
    – Svezia (premier Stefan Lovfen)
    – Romania (premier Mihai Tudose)
  •  GOVERNI DI SINISTRA (2)
    – Portogallo (premier Antonio Costa)
    – Malta (premier Joseph Muscat)
  • GOVERNI DI DESTRA (6)
    – Regno Unito (premier Theresa May)
    – Ungheria (premier Viktor Orban)
    – Belgio (premier Charles Michel)
    – Polonia (Beata Szydlo)
    – Lettonia (premier Maris Kucinskis)
    – Danimarca (premier Lars Rasmussen)
    – Repubblica ceca (premier Andrej Babis) * in via di definizione, passato da coalizione di centrosinistra (ex premier Bohslav Sobotka)
  • CENTRO LIBERALE (3)
    – Francia (presidente Emmanuel Macron)
    – Lussemburgo (premier Xavier Bettel)
    – Slovenia (premier Miro Cerar)